La casa stregata, di Lovecraft

Perfino nel più grande degli orrori l’ironia è di rado assente. A volte entra direttamente nella composizione degli eventi, mentre a volte si riferisce soltanto alla loro posizione fortuita tra persone e luoghi. Quest’ultimo tipo di ironia è splendidamente esemplificato da un caso verificatosi nell’antica città di Providence, dove Edgar Allan Poe spesso soggiornava allaContinua a leggere “La casa stregata, di Lovecraft”

Domenica in tre capi, di Charles Dickens

Ci sono poche cose da cui traggo un piacere maggiore del passeggiare per alcune delle prin­cipali vie di Londra in una bella domenica, in estate, e guardare i volti allegri dei gruppi viva­ci che le affollano. C’è qualcosa, perlomeno ai miei occhi, di estremamente piacevole nel generale desiderio, manifestato da parte delle classi più umiliContinua a leggere “Domenica in tre capi, di Charles Dickens”

Dracula, di Bram Stoker

Diario di Jonathan Harker (stenografato) 3 maggio, Bistritz. Partiti da Monaco alle 20.35 del primo maggio, giunti a Vienna il giorno seguente, di buon mattino; saremmo dovuti arrivare alle 6.46, ma il treno aveva un’ora di ritardo. Budapest sembra un luogo meraviglioso, da quanto ho potuto scorgere dal treno, e da quel poco che hoContinua a leggere “Dracula, di Bram Stoker”